Dopo la precedenza, la velocità eccessiva o non adeguata alle condizioni stradali è la violazione che più spesso si trova alla alla base degli incidenti stradali.

Lo dimostrano i dati raccolti negli incidenti rilevati negli ultimi anni dalla Polizia municipale.

A velocità più elevate, infatti:

  1. corrispondono generalmente conseguenze più gravi

  2. lo spazio di arresto è maggiore: è più probabile venire coinvolti in un incidente stradale.

Per questo motivo la Polizia municipale controlla la velocità dei veicoli in transito, anche a mezzo di autovelox.

Le sanzioni minime legate alla velocità eccessiva sono previste dagli articoli 142 e 153 del Codice della strada:

  • per velocità oltre il limite e fino a 10 km/h: sanzione minima di 41,00 euro
  • superare il limite di velocità di oltre 10 km/h ma meno di 40 km/h implica una sanzione minima di 168,00 euro e la decurtazione di tre punti dalla patente
  • per velocità superiori di 40 km/h ma non oltre 60 km/h, la sanzione minima passa a 527,00 euro, con la decurtazione di sei punti e sospensione della patente da uno a tre mesi
  • per velocità superiori a 60 km/h la sanzione è di 821,00 euro, con la decurtazione di dieci punti e sospensione della patente da sei a dodici mesi
  • per aver segnalato la presenza di una pattuglia facendo i fari (utilizzo intermittente dei proiettori abbaglianti fuori dai casi previsti): 41,00 euro e decurtazione di un punto dalla patente.

Norme speciali per neopatentati e conducenti professionali:

  • I conducenti che hanno la patente da meno di tre anni subiscono una decurtazione di punti doppia, che vale per tutte le violazioni alle norme delle circolazione.
  • I neopatentati devono inoltre rispettare limiti di velocità più bassi: 100 km/h in autostrada e massimo 90 all’ora in superstrade e tangenziali (strade extraurbane principali). Se superano questi limiti la sanzione minima a loro carico è di 160,00 euro con sospensione della patente da due a otto mesi.
  • Le violazioni commesse alla guida di mezzi pesanti comportano il raddoppio della sanzione.
  • Per velocità superiori a 40 km/h commesse da titolari di patente C, D, E nell’esercizio di trasporto professionale di persone o cose devono pagare immediatamente la sazione (introdotta dalla Legge 120/10).

Norme comuni a tutti i conducenti:

  • Per violazioni commesse nella fascia oraria 22.00-7.00 le sanzioni sono aumentate di 1/3.
  • Alla seconda violazione nel biennio per velocità esccessiva oltre i 40 km\h, la sospensione della patente diventa da otto a diciotto mesi.
  • Alla terza violazione da almeno 5  punti commessa in un anno scatta la revisione della patente, come se nel caso di Patente a ZERO punti.