Partita l’ operazione sanatoria per le cartelle, che riguarderà non solo i tributi erariali, ma anche tributi come la Tarsu, il bollo dell’auto e le multe per la violazione del codice della strada.

Entro il 28 febbraio i contribuenti hanno la possibilità di pagare, in un’ unica soluzione, senza interessi di mora e interessi di ritardata iscrizione a ruolo, le cartelle e gli avvisi di accertamento esecutivi affidati entro il 31 ottobre ad Equitalia per la riscossione, anche in presenza di rateazioni, sospensioni giudiziali o situazioni debitorie complesse.

Sarà possibile usufruire delle agevolazioni per i tributi che riguardano gli Enti Locali (Regioni, Province e Comuni) quali Tarsu, multe per violazioni al codice della strada e bolli auto, le Agenzie Fiscali (Agenzia delle Entrate, del Demanio, del Territorio, delle Dogane e dei Monopoli) e gli Uffici Statali (Ministeri, Prefetture, Commissioni Tributarie, ecc..).

Sono invece esclusi i tributi locali non riscossi da Equitalia, le somme dovute per sentenze di condanna della Corte dei Conti, quelle dovute agli enti previdenziali (Inps, Inail) e le richieste di pagamento di enti diversi da Agenzie fiscali, Uffici Statali ed Enti Locali.

I cittadini interessati dovranno attivarsi per valutare la propria situazione e scegliere se aderire, in caso di dubbi è sempre opportuno chiedere chiarimenti agli sportelli di Equitalia dove troveranno tutte le informazioni utili e l’ assistenza.

Informazioni e modalità di adesione su Equitalia