Un terzo degli incidenti stradali mortali è attribuibile all’uso di alcoolici. L’alcool è inoltre presente nel 52% degli utenti della strada coinvolti in incidenti. La stima ufficiale dei costi sociali e sanitari connessi ai soli incidenti provocati dall’alcool è di circa 20 miliardi di Euro l’anno.

Tutto ciò dipende dal fatto che l’assunzione anche di bassi quantitativi di alcool compromette le capacità di giudizio e le prestazioni al volante, inducendo ad esempio l’individuo a sopravvalutare la propria abilità e di conseguenza ad affrontare rischi che, in condizioni normali, non sarebbe disposto a correre.

Per chi è in stato di ebbrezza, triplica la probabilità di uscire di strada o andare a sbattere contro un ostacolo fermo. Incidenti indipendenti dal comportamento di altri veicoli, e perciò responsabilità unica del conducente, che ha percezioni offuscate, riflessi rallentati, reazioni scoordinate o eccessive.

 

Per garantire una maggiore sicurezza sulle nostre strade le pattuglie della Polizia Municipale Lunigiana eseguono controlli con l’utilizzo di palccol-pre-testre-test, in grado di verificare se il livello di alcool nel sangue supera 0,5 gr. per litro di sangue.

Quando il conducente di un veicolo ha un valore uguale o superiore a questo viene considerato in stato di ebbrezza e risulta pertanto passibile di sanzioni.

Con molta approssimazione si può dire che, prendendo a riferimento una persona di 60 chili, a digiuno, si raggiunge la concentrazione dello 0,5 per mille nel sangue:

  • con 2 bicchierini standard da bar (circa 75 ml) di whisky, di grappa, di rum o di certi amari
  • con 2 bicchieri da cucina (400 ml circa) di vino a media gradazione (11°) o di aperitivo
  • con poco più di un boccale ”grande” di birra (1300 ml).

L’elenco delle postazioni di controllo è disponibile cliccando QUI